Salute & Benessere

Villa San Giovanni, “Vediamoci con…l’Ottico”

villa vediamoci ottico

Si è tenuto ieri, martedì 12 febbraio, presso l’Istituto Comprensivo “Giovanni XXII” un importante  incontro per l’avvio del progetto “Vediamoci con…l’Ottico”, a cui hanno preso parte oltre alla dirigente scolastica Grazia Maria Trecroci, anche il Sindaco Giovanni Siclari, l’Assessore alla Pubblica Istruzione Sonia Labate, il Responsabile dell’Unione Nazionale Consumatori Tullio Caracciolo e gli Ottici Optometristi Loredana Faga, Benedetta Greco e Federica Greco.

Congratulazioni sono state espresse dell’Amministrazione comunale di Villa San Giovanni con in testa il Sindaco, Giovanni Siclari, e Vicesindaco e Assessore alla Salute, Maria Grazia Richichi, e dall’Assessore alla Pubblica Istruzione, Sonia Labate, per il progetto “Vediamoci con…l’Ottico” che per il corrente anno scolastico prenderà il via lunedì prossimo 18 febbraio 2019.

Una iniziativa che come hanno ricordato i presenti ha riscosso enorme successo anche nel 2015, grazie all’Assessorato alla Sanità del Comune di Villa San Giovanni, allora guidato dal dottor Francesco Romanzi ed alla collaborazione degli Ottici della Città di Villa San Giovanni e dell’Istituto Comprensivo “Giovanni XXIII – Caminiti”.

Il progetto “Vediamoci con…l’Ottico”, fortemente voluto dall’ Unione Nazionale Consumatori, Istituto Cenide, Ottica Faga e dall’Istituto Comprensivo “Giovanni XXIII – Caminiti, vedrà impegnate gratuitamente le dottoresse Loredana Faga, Benedetta Greco e Federerica Greco (Ottici Optometristi) e potrà contare sul patrocinio gratuito del Comune di Villa San Giovanni .

Proposto quest’anno in una veste essenzialmente rinnovata – ha affermato Loredana Faga – è volto come sempre a realizzare un Test gratuito del campo visivo agli alunni delle Scuole Elementari e Medie, cui i genitori abbia fornito il consenso.

L’iniziativa – ha dichiarato il Vicesindaco e Assessore alla Salute, Maria Grazia Richichi – mira a collocarsi nella più ampia e auspicata attività di prevenzione in campo sanitario e nello specifico nella prevenzione di eventuali patologie o disturbi della vista che spesso possono incidere anche sulla capacità di apprendimento dei ragazzi in età scolare.

Per Graziella Trecroci dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo “Giovanni XXIII – Caminiti”, beneficiari potrebbero essere oltre  mille allievi delle classi prime, seconde, terze della scuola secondaria e alle classi della scuola primaria dei plessi di Villa Centro, Cannitello per la Scuola Media e Villa Centro, Pezzo, Cannitello e Acciarello per le Elementari ed anche per tali ragioni  il progetto presenta molteplici utilità, oltre che potrebbe risultare utile anche ad evidenziare e segnalare alle famiglie, ove necessario, l’eventuale necessità di sottoporre i ragazzi ad una visita oculistica.

Un’iniziativa che si pone anche come scopo l’attività di ricerca-azione, finalizzata alla valutazione di eventuali disturbi della rifrazione e della motilità oculare, per Benedetta e Federica Greco.

Lo screening verrà effettuato gratuitamente dalle optometriste Dr.ssa Loredana Faga, Benedetta Greco e Federica Greco, sulla base di una serie di prove oggettive e non. I risultati verranno comunicati alle famiglie. Inoltre, i dati raccolti potranno costituire un primo passo verso attività di studio e di ricerca, e saranno trattati nel loro insieme e a livello statistico e nel rispetto più assoluto della privacy di ogni singolo alunno.

Nessun costo quindi a carico dei ragazzi e delle loro famiglie – ha affermato soddisfatta l’Assessore alla Pubblica Istruzione Sonia Labate – per un importante attività di prevenzione che potrebbe, evidenziare eventuali sospette patologie o disturbi che influenzano l’apparato visivo, permettere ai genitori di far sottoporre, per tempo, i ragazzi ad esami specialistici realizzati da professionisti quali appunto medici – oculistici, in altre parole permettere di prevenire ed intervenire per tempo.

Soddisfatto anche il Responsabile dell’Unione Nazionale Consumatori di Villa San Giovanni Tullio Caracciolo, secondo il quale per la buona riuscita del progetto è fondamentale l’impegno tutti i soggetti coinvolti, dall’istituzione scolastica con i docenti in testa sino agli Ottici, ma è indispensabile la collaborazione dei genitori e dei ragazzi che sono i veri beneficiari dell’iniziativa.

In alto