Motori

Vettel e la Ferrari pro Hamilton?

ferrari f1 2016 vettel prove barcellona

I fatti accaduti negli ultimi due Gran Premi, Malesia e Giappone, mostrano come le corse della Ferrari di Vettel abbiano, beninteso involontariamente, aiutato Hamilton ad avere ancora delle buone speranze di poter raggiungere Rosberg, o comunque di tenerlo sotto pressione e sperare in un suo errore, per il titolo di Campione del Mondo Piloti di Formula 1 del 2016.

Infatti a Sepang Vettel alla prima curva ha urtato Rosberg, che era in seconda posizione, mandandolo in testa coda e facendolo retrocedere in ventiduesima ed ultima posizione. Senza questo incidente Rosberg, alla luce della rottura del motore di Hamilton, invece che terzo sarebbe arrivato sicuramente primo o almeno secondo. I punti conquistati sarebbero stati 25 o 18 contro 15 ed il vantaggio in classifica sarebbe diventato rispettivamente di 33 o 26 punti.

A Suzuka se Vettel e la Ferrari invece di tentare, con una strategia azzardata, di attaccare Verstappen per la seconda posizione avessero scelto di controllare la terza, effettuando il secondo pit stop 2 giri prima e montando gomme dure come gli altri, avrebbero quasi sicuramente evitato di perdere la terza posizione nei confronti di Hamilton, tranne un successivo sorpasso in pista ma in quel caso non vi sarebbe stato nulla da fare se non riconoscere la superiorità dell’avversario. Hamilton arrivando quarto avrebbe preso 12 punti anziché 15 e quindi il vantaggio di Rosberg sarebbe salito di altri 3 punti.

Oggi prima delle ultime 4 gare Rosberg ha un vantaggio di 33 punti ed ipotizzando che Hamilton vinca tutte le gare restanti, cosa possibile con l’astronave Mercedes, lui ha bisogno di totalizzare 68 punti ossia arrivare al traguardo 3 volte secondo ed 1 terzo, anche questa cosa possibilissima per la Mercedes ed il pilota.

Senza gli interventi di Vettel oggi Rosberg avrebbe avuto un vantaggio minimo di 39 punti e quindi gli sarebbero bastati 62 punti per 2 secondi posti, 1 terzo ed 1 quarto. Nel caso di vantaggio massimo di 46 punti sarebbe dovuto arrivare sul traguardo 3 volte terzo e 1 quinto oppure 3 volte secondo e 1 decimo, più tutte le altre combinazioni possibili per un totale di 55 punti.

Queste, ovviamente sono solo spigolature perché con i se ed i ma non si raccolgono punti nelle corse e nella vita. In ogni caso il titolo è più vicino a Nico Rosberg e si deve riconoscere che nel caso di vittoria lo avrà ampiamente meritato.

F.T.

In alto