Eventi

Reggio, Musica in Ateneo: i Mattanza

università mattanza

“La musica che gira intorno” è il titolo della stagione concertistica che si svolgerà presso l’Università Mediterranea da gennaio a giugno di quest’anno.

L’iniziativa ha lo scopo di offrire a studenti, docenti e personale della Mediterranea, ma anche all’intera città, una serie di concerti differenti fra di loro e in grado rappresentare i diversi “generi” che compongono l’universo musicale: dalla rinascimentale al jazz, dall’elettronica alla polifonia corale, dalla musica da camera alla fusion.

I concerti si terranno il mercoledì alle ore 19.00 in luoghi diversi della Cittadella; lo scopo è di valorizzare i numerosi spazi disponibili, di coinvolgere diverse strutture dell’Ateneo (non solo quelle del complesso centrale ma anche quelle “periferiche”), di suggerire l’idea che la musica non si ferma, nemmeno in un periodo in cui la città offre sempre meno spazi in cui praticarla, e può raggiungere tutte le persone in tutti i luoghi.

Il concerto di apertura è affidato ai Mattanza, storica formazione dell’area dello Stretto, che si esibiranno domani, mercoledì 31 gennaio, presso l’Aula Magna Ludovico Quaroni di Architettura.

Il concerto sarà arricchito da uno spettacolo di video mapping realizzato in tempo reale da Riccardo Pellicanò.

I Mattanza nascono quando correva l’anno 1997 ad opera di Mimmo Martino e da allora, con enorme forza di volontà, si fanno carico della trentennale eredità lasciata loro da Mimmo e della responsabilità di portare avanti il suo stesso, infaticabile lavoro di ricerca e salvaguardia della cultura popolare calabrese.

Mattanza deriva dal sostantivo spagnolo matanza “strage, uccisione”.

Attualmente i Mattanza sono:

Emiliano Laganà (batteria, vibrafono, marimba, percussioni) è musicista e insegnante certificato Yamaha. È percussionista dei Mattanza dal 2014;

Gino Mattiani (tastiera, fisarmonica, fiati, voce);

Giacomo Farina (percussioni e rumori) tra l’altro dal 1976 al 1995 è musicista professionista e personal manager del gruppo musicale Kunsertu per conto della Cooperativa Kunsertu, con la quale realizza 5 dischi distribuiti in tutto il mondo e tournée anche all’estero. Dal 1986 al 1993 è segretario provinciale dell’A.R.C.I. di Messina con delega alle Attività Culturali;

Rosamaria Scopelliti (voce, percussioni) musicista, cantante, insegnante di canto, percussionista. Ha conseguito il diploma di laurea in canto lirico con lode e menzione d’onore, presso il Conservatorio di Musica F. Cilea di Reggio Calabria, sotto l’egida della professoressa Maria Rita De Matteis. Membro del Coro Regionale della Calabria, del Coro Lirico F. Cilea di R.C., Membro dell’Associazione Culturale Mattanza;

Fabio Moragas (chitarra battente, mandola, voce);

Roberto Aricò (basso e contrabbasso elettrico e corista);

Mimmo Martino, spirito e poesia dei Mattanza. Leader fondatore e voce del gruppo Mattanza, il suo progetto più rappresentativo. Tra il 1967 e il 1970 è stato cantante e batterista del complesso “I Rifiuti” (nome ironicamente dovuto al fatto che i 4/5 dei componenti sono persone disabili);

Mario Lo Cascio (chitarra, lira calabrese, voce) musicista, musicoterapeuta, compositore, produttore musicale e strumentista (pianoforte, tastiere, chitarra classica ed acustica, lira calabrese, fisarmonica, percussioni, fiati e corde popolari). Ha suonato, tra gli altri, con Phaleg (Re Niliu’s factory), Capueira Chamarel, Marikuyè, Walking trees, Fabulanova. Attualmente suona con Mattanza, MLC e Chagall. Ha pubblicato con i Discanto il cd “Chista Maìa” (2005).

In alto