Salute & Benessere

Prefettura, realizzazione nuovo Centro Dialisi a Reggio

prefettura rc per centro dialisi

Nella mattinata di ieri, mercoledì 29 novembre, convocata dal Prefetto Michele di Bari, si è tenuta, presso il Palazzo del Governo di Reggio Calabria, una riunione finalizzata all’individuazione di soluzioni che consentano di adeguare l’offerta sul territorio dei posti di emodialisi, rispondendo, così, alle esigenze dei pazienti uremici di Reggio Calabria e della provincia.

Infatti, l’attuale insufficienza dei posti dialisi nelle strutture sanitarie costringe circa 30 pazienti affetti da patologia renale a recarsi presso i centri specializzati di Messina per sottoporsi al trattamento di emodialisi, coinvolgendo inevitabilmente le famiglie per il trasporto.

All’incontro hanno partecipato, tra gli altri, il Consigliere Delegato alla Sanità della Città Metropolitana, Filippo Bova, il Consigliere delegato alla Sanità del Comune Capoluogo, Valerio Misefari, il Direttore Generale della locale Azienda Sanitaria Provinciale, il Direttore del Grande Ospedale Metropolitano “Bianchi Melacrino Morelli”, la Rappresentante del Dipartimento alla Salute della Regione Calabria e il Segretario regionale del Comitato ANED.

Nell’occasione, è stato esaminato il progetto redatto dall’Azienda Sanitaria messo a disposizione dall’Amministrazione Comunale per realizzare il Centro Dialisi, in cui è possibile allestire 6 posti a fronte dei 14 necessari al fabbisogno dell’utenza.

Dal confronto è emersa l’esigenza di valutare la possibilità di aumentare le postazioni.

Pertanto, l’Ufficio Tecnico dell’ASP, sulla base delle planimetrie acquisite, redigerà una bozza di progetto, la cui fattibilità sarà esaminata all’inizio della prossima settimana nel corso di un sopralluogo congiunto.

Occorre tenere sempre ben presente la centralità del paziente – ha affermato il Prefetto auspicando una rapida soluzione – e a, tal fine, è indispensabile spendere tutto l’impegno possibile per garantire il diritto alla salute e alla migliore qualità della vita”.

In alto