Politica

Pedà presenta interpellanza su emergenza dializzati a Reggio

Pedà giuseppe 1

Il consigliere Giuseppe Pedà: “Presentata una interpellanza sulla ‘Emergenza dializzati’ a Reggio Calabria”

“Sulla ‘Emergenza dializzati’ a Reggio Calabria che vede da tempo i pazienti costretti a faticose e insostenibili trasferte per effettuare continue terapie salva-vita, permanendo una cronica carenza dell’offerta sanitaria rispetto all’effettivo fabbisogno, ho depositato un’interpellanza indirizzata al Presidente della Giunta regionale con richiesta di risposta in Aula”.

È quanto rende noto il consigliere regionale Giuseppe Pedà.

Nel documento, l’esponente politico chiede di conoscere, in particolare, “se sono stati avviati gli opportuni accertamenti atti ad appurare le motivazioni del ritardo di autorizzazione del suddetto fabbisogno, più volte promesso e dato per imminente; di sapere le motivazioni della mancata attivazione di ulteriori n. 13 posti letto rene (3 posti presso il servizio dialisi Presidio ospedaliero ‘Tiberio Evoli’ di Melito Porto Salvo, n. 5 posti presso la casa della salute di Scilla, n. 3 presso il Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria) – per i quali già in data 18.05.2018 con nota protocollo n. 176899 è stato reso il parere favorevole da parte della Regione Calabria – nelle more della riconversione funzionale della struttura sanitaria ex – ENPAS di Reggio Calabria in Centro Dialitico ex-ospedaliero per 16 posto letto rene, per il quale l’iter amministrativo è fermo in attesa dell’autorizzazione di cui sopra”.

L’esponente politico regionale chiede altresì “di essere reso edotto degli interventi alternativi programmati o da programmare al fine di ovviare ad una problematica che, in quanto direttamente afferente alla tutela della vita delle persone, riveste carattere di assoluta urgenza”.

“Le numerose richieste e sollecitazioni di interventi urgenti a tutela dei fruitori di assistenza dialitica della Regione – ed in particolar modo della città di Reggio Calabria – che pervengono da parte dei rappresentanti delle Associazioni degli ammalati e dalle famiglie degli stessi, testimoniano – sottolinea Giuseppe Pedà – l’esistenza di una situazione preoccupante, che potremmo definire ‘al collasso’ nella gestione di tali patologie da parte del Sistema Sanitario calabrese. Le criticità e la comorbilità che tipicamente si associa alla condizione dei pazienti dializzati, fanno sì che ogni singolo caso considerato costituisca una situazione di emergenza. In particolare, le condizioni dei pazienti costretti a curarsi fuori regione – o addirittura costretti o indotti a non curarsi – è motivo di preoccupazione e di indignazione sia per i sacrifici inenarrabili a cui i dializzati sono sottoposti che per i costi esorbitanti a carico delle casse regionali. Non solo. È anche motivo di rabbia alla luce del lunghissimo iter amministrativo avviato dal Commissario Straordinario pro-tempore alla sanità e non concluso (né verosimilmente vicino al raggiungimento dell’obiettivo programmatico di cui alla deliberazione del Commissario Straordinario alla Sanità n. 1020 del 30.10.2018). In attesa della riconversione funzionale della struttura sanitaria ex – ENPAS di Reggio Calabria in Centro Dialitico ex-ospedaliero per 16 posto letto rene, e preso atto che nonostante le pressanti richieste formulate dai comitati civici e dalle associazioni, prima fra tutte l’ANED di Reggio Calabria – che con impegno lodevole portano avanti una battaglia per l’attuazione del  diritto costituzionale alla Salute – persiste una situazione inammissibile di ritardo, da parte del Dipartimento tutela della Salute della Regione Calabria, Settore 10, nell’autorizzazione alla esplicitazione del fabbisogno già prodotto dal mese di aprile 2018 da parte dell’ASP di Reggio Calabria. Ritardo che lede i diritti fondamentali degli ammalati e la dignità di tutti i calabresi”.

Il consigliere evidenzia tra l’altro che “la competenza ‘concorrente’ tra Stato e Regione nella gestione del SSN e l’obbligo di applicazione dei LEA, indistintamente, in tutto il territorio nazionale, implica che nessuna persona può essere esclusa dall’assistenza medica per nessuna ragione: men che meno per il fatto di vivere in Calabria. Peraltro – conclude Giuseppe Pedà – sussiste un compito specifico in materia di Sanità in capo alla Regione che è chiamata a programmare e coordinare i servizi essenziali intervenendo con i correttivi necessari per il caso di disservizi, ovvero come in questa fattispecie, di veri e propri soprusi e prevaricazioni nei confronti dei diritti degli individui”.

In alto