Gustovagando

Le Notti di BCsicilia, Museo per la fotografia della Sicilia e del Mediterraneo

sicilia Alia mostra fotografica

Nell’ambito della manifestazione “Le Notti di BCsicilia” si terrà oggi, martedì 23 luglio, alle ore 21.30 l’iniziativa: “Una notte con la fotografia. Visita guidata alla mostra”. L’appuntamento è in Via Santa Croce a Alia. La manifestazione è promossa da BCsicilia, per la salvaguardia e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali, in collaborazione con il Comune di Alia e il patrocinio della Regione Siciliana.

Il museo per la Fotografia della Sicilia e del Mediterraneo è stato inaugurato nel 2010 e rappresenta “Un ponte tra le Culture”. Al suo interno è esposta la mostra permanente “Terra e Luce, dalla Gurfa al Roden Crater”.

L’esposizione allestita da Renzo Milan e Lucia Gotti, evoca i profondi e affascinanti misteri della natura più arcaica e accoglie il visitatore in un luogo in cui architettura, geologia e archeologia si fondono in un unico ambiente, un viaggio per immagini che pone un ponte ideale tra diverse epoche e latitudini; valorizza il sito protostorico della “Gurfa”, monumento di architettura rupestre, realizzato scavando una rupe di arenaria rossa; il complesso, è costituito da 6 camere articolate su due piani, in particolare il grande vano campaniforme “ Tholos” rappresenta la più grande del Mediterraneo al momento scoperta.

Gli scatti sono di Alessandro Belgiojoso e sono messi in relazione con l’opera dell’artista statunitense James Turrell, il quale è impegnato dal 1974 nel progetto del Roden Crater, considerato il più grande land-formed work del mondo, realizzato all’interno di un vulcano spento, il “Roden Crater”, in Arizona, seguendo un complesso processo di rimodellazione e scavo. Il progetto rappresenta come lo definì lo stesso artista un “monumento alla percezione”.

Inoltre al piano superiore è possibile visitare la II sezione del Museo Etnoantropologico della collezione “Le Opere e i Giorni”, dove sono custoditi attrezzi ed utensili della civiltà contadina in uso nel XIX e XX secolo, legati agli antichi mestieri e scorci di vita quotidiana del passato.

In alto