Cultura

La rassegna cuturale dell’associaziome Cult3.0

CULT3-0 logo

Grande partecipazione di pubblico all’inagurazione dell’anno culturale dell’Associazione “Cult 3.0”, cui hanno preso parte intellettuali, artisti, scrittori, gornalisti che animeranno la ricca rassegna predisposta dal sodalizio di via Glauco.

Ad illustrare i contenuti del programma di “Cult 3.0” il portavoce dell’associazione, la giornalista Emilia Condarelli insieme al filosofo Gianfraco Cordì, curatore della rassegna “Il mondo di Sophia”, laboratorio di filosofia applicata. Ospite d’onore il professore Domenico Ficarra protagonista di una significativa riflessione sui concetti di verità e coerenza e che parlerà di “Identità d’Occidente” a “Cult3.0” il prossimo giovedì 12 dicembre.

Tra gli intervenuti anche i musicisti Enzino Y Barbaro e Paolo Melograni, il cantautore Carlos Stanaut (Saverio Autellitano), lo scultore Tonino De Nami, la disegnatrice Claudia Albonico, Claudio Aloisio, presidente di “Confesercenti”, monsignor Antonio Morabito e lo scrittore Natale Pace, autore del volume “Mio caro Leonida…” che sarà protagonista del primo degli appuntamenti in calendario, previsto per oggi, giovedì 14 novembre, alle ore 17.00 insieme al medico Elio Stellitano.

“#stopviolenza” è il titolo dell’incontro previsto per lunedì 18 novembre. Una riflessione insieme a Annie Russo e Valeria Rositani, Vincenzo Chindamo, Giovanna Cusumano, Eduardo Lamberti Castronuovo. Quindi il prossimo 21 novembre la presentazione del libro “Il pensiero positvo” dello psichiatra Lillo Romeo.

Sono solo questi i primi appuntamenti di una corposa rassegna che si snoda fino alla fine del prossimo mese di marzo affrontando i temi più vari dalla cultura al territorio con tante voci del territorio e differenti contributi di idee.

Durante gli incontri verrà registrato il programma “Strettamente personale” firmato da Emilia Condarelli e trasmesso da Reggiotv.

In alto