Sport

La Golem Palmi saluta e ringrazia la schiacciatrice Rueda

volley PALMI Carla Cotito Rueda

Dopo sette mesi, sedici incontri disputati, 63 set giocati e 213 punti messi a segno, che le sono valsi il quattordicesimo posto in assoluto della classifica individuale dei punti messi a segna nel campionato di serie A2, le strade della schiacciatrice peruviana Carla Cotito Rueda (nella foto) e della Golem Software Palmi si dividono. Lo ha annunciato la società calabrese che, di comune accordo con la nazionale peruviana, ha intrapreso la decisione di interrompere la collaborazione sportiva che era stata avviata lo scorso mese di agosto del 2015. Alla base della scelta alcune problematiche di carattere familiare che hanno condotto la forte atleta a dover fare ritorno in patria. Un saluto non certo facile quello tributato dalla società, dallo staff tecnico e dalle compagne di squadra che nel corso dell’ultimo allenamento, tra momenti di commozione e di tristezza, hanno salutato la compagna di squadra.

La dirigenza della Golem Software Palmi augura all’atleta Carla Cotito Rueda di risolvere al più presto tutte le questione che la riguardano, augurandole al contempo i migliori successi dal punto di vista personale e sportivo con un proseguo radioso di carriera.

Carla Rueda ha 25 anni ed è nazionale peruviana dal 2006. Nata a Lima in Perù il 19 aprile del 1990, Carla Rueda è una schiacciatrice alta 185 centimetri e può vantare nel suo curriculum internazionale ben 41 presenze in nazionale di cui 9 in competizioni della World Championship e 32 in altre apparizioni.

Prima di approdare a Palmi la Rueda ha mosso i suoi primi passi nella pallavolo con lo Sporting Cristal, club della sua città di origine. L’anno dopo è in Spagna per indossare la casacca del Volley Murcia, quindi il ritorno in Perù con il Deportivo Geminis e l’avventura in Portogallo con la Riberense. L’ultima stagione Carla Rueda è stata protagonista in Azerbaijan con la squadra dell’Azerrail Baku. Alla sua crescita sul campo è corrisposto un posto stabile in nazionale dove ha esordito ufficialmente alcuni anni fa affrontando l’Ecuador.

In alto