Cronaca

Klaus Davi: prossimi obiettivi ancora Milano e ‘Vacche Sacre’

vacche-sacre

“La campagna di sensibilizzazione sulle attività e sulla presenza della criminalità organizzata al nord, in particolare a Milano, continuerà nelle prossime settimane”. È quanto dichiarato da Klaus Davi in un’intervista alla radio svizzera Bern Radio questa mattina: “La cortina di silenzio mediatico che ha riguardato i miei manifesti, sparsi per la città di Milano con elencati i boss in circolazione nel capoluogo lombardo, fa riflettere. Il tema ‘Ndrangheta al nord assume toni importanti che però sembrano un po’ rimossi dalla classe politica: qui la criminalità organizzata non è più tecnicamente solo ‘infiltrata’. È concretamente alleata dei poteri forti, anche in settori importanti dell’economia. Esiste anche una società civile, sonnolenta, invecchiata, ma esiste”.

Ma la ‘Ndrangheta a Milano non è il solo fronte che Davi vuole tenere vivo, non è il solo argomento su cui il massmediologo vuole puntare l’attenzione nei prossimi giorni: “Stiamo preparando, in collaborazione con il testimone di giustizia Nino Cento, un’azione che riguarderà le cosiddette ‘vacche sacre’. Le ‘vacche sacre’, non sono altro che mandrie di bovini – sacre perché intoccabili – appartenenti a importanti famiglie della criminalità organizzata, che pascolano liberamente in Calabria, danneggiando l’agricoltura privata e interi terreni dove il pascolo non è autorizzato. Apparentemente sembrerebbe un problema secondario, ma questo pascolo abusivo è indice di una mentalità sottomessa ed è stato causa, negli anni passati, di omicidi e intimidazioni. Tant’è che per queste vacche sono morte numerose persone che si opponevano alla loro circolazione. Faremo un’azione sul posto. Sempre con il nostro stile, disincantato, a volte ingenuo, ma incisivo”.

Luca Bragadini    –   Klaus Davi & Co.

In alto