Spettacolo

Festival MigrArtes: Concerto di Carmen Souza

migrartes carmen souza

Il Festival MigrArtes (il programma è nell’articolo “Reggio – Festival MigrArtes: musica, cinema, teatro, ….” del 21 aprile) dal 22 al 30 aprile ci offre al Miramare la mostra-spettacolo “Storie appese a un filo” a cura del Teatro Le Rane.

migrartes le raneLa mostra fa il punto sull’attività ventennale del Tetro delle Rane. che ha costruito una piccola tradizione fatta di lavoro, incontri, sogni e spettacoli. L’obiettivo non è mostrare ma suggerire il complesso sistema poetico che precede la nascita di uno spettacolo, illustrando i diversi procedimenti creativi. Un viaggio poetico nel mondo del teatro di figura che mette in contatto diretto i visitatori con le marionette, per renderle vive e coglierne le modalità drammaturgiche ed espressive; magie che trasformano legno, fili, polistirolo, stoffe, merletti, biglie e oggetti di scarto in personaggi che raccontano storie.

Domani, sabato 22 aprile, alle ore 21.00 il Miramare ospita il concerto del Carmen Souza trio (Carmen Souza voce e chitarra, Theo Pascal contrabbasso, Elias Kacomanolis batteria).

Ritmi africani e tradizione jazz, in un’atmosfera intima e acustica, per la cantante portoghese di origini capoverdiane, che nella tappa reggina del suo tour presenterà il cd “Creology”. La musica in questo disco viaggia su rotte transatlantiche, dai paesi portoghesi ex coloniali come Capo Verde, Mozambico, Angola, attraversando il mare per raggiungere Brasile e Cuba, fino a lambire le coste di New Orleans. Si possono così scoprire in questo disco ritmi come Batuque, Funana, Semba, Quilapanga, afro-brasiliana e suoni cubani e anche l’atmosfera di New Orleans, il tutto miscelato per creare ciò che abbiamo imparato ad identificare come il Souza Pascal AfroSound. Un sound unico che David Sylvian ha definito «il soul del mondo del ventunesimo secolo».

Si rammenta che tutti gli eventi del festival MigrArtes sono gratuiti e a libero accesso, esclusi i concerti e lo spettacolo “Come un granello di sabbia”, per cui è previsto il biglietto d’ingresso di 5 €.

In alto