Spettacolo

Copperman

copperman

Al Cinema  Multisala Lumiere  è in programmazione il film

Copperman

Genere:  Drammatico              Anno:  2019            Durata:  94’

Regia:  Eros Puglielli

Cast:  Luca Argentero, Galatea Ranzi, Fortunato Cerlino, Antonia Truppo, Gianluca Gobbi, Tommaso Ragno

TRAMA

È la storia di Anselmo (Luca Argentero), un uomo molto speciale che, nonostante la sua età, vede la realtà con gli occhi di un bambino. Per lui ogni cosa intorno a sé ha i colori delle fiabe e i magici poteri dei supereroi. Inoltre, Anselmo è cresciuto con una purezza infantile, che non gli permette di diffidare degli altri e, sebbene la vita gli mostri più volte come sa essere cruda e dura, l’uomo riuscirà anche nei momenti più difficili a mantenere la sua limpida e unica visione del mondo.

Abbandonato dal padre, che lui crede un supereroe, Copperman/Anselmo vive con la madre (Galatea Ranzi) che a forza di ripetergli quanto sia “speciale”, se ne è convinto anche lui. E proprio come Forrest Gump ha conservato nel tempo una purezza infantile e il candore disarmante di chi non conosce la diffidenza. Il suo grande amore è Titti (Angelica Bellucci/Antonia Truppo) conosciuta a scuola alle 10, 34 minuti e 12 secondi di un giorno speciale e poi inghiottita da un’assenza troppo lunga. E poi c’è Silvano (Tommaso Ragno), il fabbro del paese, arrivato non si sa da dove, suo padre putativo e mentore. Uno che ha poche parole e una pistola. E che è diventato suo amico dalle 11 e 47 minuti del 12 aprile 1991. Grazie a lui, Anselmo diventa Copperman, il super “uomo di rame”.

Fiaba delicata e visionaria che parla di legami difficili e anche di disabilità.

Il regista, Puglielli, ha curate molto l’immagine, il montaggio e le musiche. Le riprese si sono svolte in Umbria e si riconoscono noti e belli scorci di Spoleto.

Bravo Luca Argentero, che per prepararsi a interpretare il disturbo di Anselmo si è confrontato con pazienti vicini al gruppo AITA di Roma, cercando di comprendere ed apprendere il loro modo di vedere il mondo

 Proiettato in Digitale 2D

la redazione

In alto