Sport

Campionato F1. Qualifiche GP d’Italia 2018

raikkone ferrari pole monza

Sul circuito di Monza domani, domenica 2 settembre, si correrà il Gran Premio d’Italia, quattordicesima prova del campionato 2018.

Hulkenberg sarà penalizzato di 10 posizioni sulla griglia di partenza a seguito del tamponamento della McLaren di Alonso nello scorso Gran Premio di Spa, incidente che ha causato il coinvolgimento e ritiro anche di Leclerc, Raikkonen e Ricciardo.

La Pirelli ha portato pneumatici supersoft (Rosse), soft (Gialle) e medie (Bianche), oltre i due tipi da pioggia. Si prevede una gara con una sola sosta dato il notevole perdita di tempo nel transito dalla pit lane oltre 24 secondi.

Nelle prove libere 1 del venerdì mattina si è girato poco a causa della pioggia. Nella sessione 2 del pomeriggio pista asciutta ma prove accorciate rispetto ai 90 minuti per lo stop a causa dell’incidente accaduto a Ericsson alla staccata in fondo al rettilineo principale. Quando ha frenato l’ala del DRS è rimasta aperta e la macchina ha sbandato a sinistra urtando in pieno le barriere, vicino alla postazione dei commissari, e poi cappottato più volte. Auto distrutta e pilota illeso.

Alla ripresa delle prove migliori tempi, sia in assetto qualifica che gara, per le Ferrari, seguite dalle Mercedes e poi più staccate, oltre il secondo, le Red Bull e le Force India. Nono Leclerc con l’Alfa Sauber. In assetto da qualifica miglior tempo per Vettel con gomme supersoft, autore di un’uscita alla parabolica che lo ha costretto al box per circa 20 minuti per il cambio alettone posteriore e controllo auto. In assetto gara meglio Raikkonen. Hamilton in assetto da qualifica, con gomme soft come Raikkonen, era quasi a 3 decimi da Vettel. Bottas oltre i 6 decimi.

Nel terzo turno di prove, questa mattina, in meno di 1 decimo Vettel, Hamilton e Raikkonen.

Per sostituzioni di parti del motore partiranno dalle ultime posizioni Ricciardo, Ericsson e Hulkenberg, come già detto penalizzato anche di 10 posizioni per Spa.

Nel Q1 prime le due Ferrari e fuori Vandoorne, Ericsson, Hartley, Leclerc e Perez. Male il pilota Force India e le Sauber Alfa Romeo. Bene la Williams che con Stroll passa al Q2.

Nel Q2 non girano Hulkenberg e Ricciardo e tutti si qualificano con le gomme soft con cui i primi dieci dovranno partire in gara. Nell’ultimo tentativo Alonso e Magnussen si ostacolano a vicenda e questo costa il Q3 al pilota Haas. Primi Vettel, Hamilton e Raikkonen, con una Ferrari più equilibrata della Mercedes. Bene la Williams che con Stroll accede al Q3, per la prima volta in stagione.

Fuori Ricciardo, Hulkenberg, Alonso, Sirotkin e Magnussen.

Nel primo tentativo del Q3 primo Hamilton, con 1’19”390, davanti a Raikkonen e Vettel. Nel secondo tentativo Raikkonen, con un terzo settore strepitoso, conquista la pole in 1’19”119, nuovo record della pista, con Vettel a 161 millesimi e Hamilton a 175, a soli 14 millesimi da Vettel. Bottas a più di 5 decimi dalla pole.

Quello di Raikkonen è il giro, ufficiale, più veloce della F1.

18 esima pole di Raikkonen in carriera, prima dell’anno e ventesima per la Ferrari nel Gran Premio d’Italia. L’ultima pole Ferrari a Monza era del 2010 con Alonso, che poi vinse la gara. Sessantesima prima fila tutta Ferrari.

I primi 10 del Q3 sono stati Raikkonen, Vettel, Hamilton, Bottas, Verstappen, Grosjean, Sainz, Ocon, Gasly, Stroll.

nella foto il poleman Raikkonen su Ferrari

F.T.

In alto