Sport

Campionato F1. GP di Russia – 30 settembre 2018

Hamilton Bottas Sochi russia

Oggi, 30 settembre, sul circuito di Sochi, si è svolto il Gran Premio di F1 di Russia, sedicesima prova del campionato 2018.

Prima del gran premio, oltre all’annuncio di Giovinazzi alla Sauber e della conferma dei piloti Haas, la Toro Rosso ha annunciato per il 2019 il ritorno del russo Kvyat per sostituire Gasly che passerà alla Red Bull. Compleanno per Max Verstappen che oggi compie 21 anni.

Prima fila Mercedes, per la quinta volta nella stagione, e seconda Ferrari. Le Red Bull arretrate nelle ultime posizioni per utilizzo quarta unità motrice.

Partenza regolare, Vettel tenta di superare Hamilton che, aiutato dalla scia di Bottas, conserva la seconda posizione. Alla prima curva vanno in testa coda entrambe le Toro Rosso che effettuano subito il pit stop ma si ritirano dopo pochi giri. Splendido primo giro di Verstappen che supera varie auto. Dopo 3 giri è decimo, in zona punti, e dopo 8 è quinto ed era partito diciannovesimo.

Bella partenza e primo giro di Leclerc che guadagna una posizione e dopo un altro giro diviene quinto, dopo le Mercedes e le Ferrari.

Nei primi 10 giri, esclusi i primi 4, sono tutti su gomma soft (gialla).

Al giro 12 pit per Bottas che passa alle gomme gialle e rientra quinto. Al giro successivo pitta Vettel, anche lui passa alle gialle per arrivare fino in fondo alla gara. Al giro 14 sosta per Hamilton (gialla) che rientra dietro Vettel. Ma attacca subito il ferrarista che al giro 16 resiste, in maniera anche dura alla prima curva, ma nella successiva viene superato.

Giro 19 pit stop per Raikkonen (soft) che rientra dietro Vettel e davanti a Ricciardo mentre Verstappen è primo.

Al giro 25 Bottas, ricevuto l’ordine dal team, si ferma quasi in curva e lascia passare Hamilton, che prende la seconda posizione. Vettel si porterà spesso a meno di 1 secondo da Bottas ma nonostante l’uso dell’ala mobile non riuscirà mai ad avvicinarlo al punto di poter almeno accennare il sorpasso.

Per tutta la gara le Mercedes si sono dimostrate superiori alle Ferrari, essendo più veloci in rettilineo, più stabili nelle curve secche a 90 gradi ed avendo un miglior passo. In curva le Ferrari a volte non avevano tutte quattro le ruote a terra. Dopo Monza le Mercedes hanno avuto un miglioramento come telaio, motore ed utilizzo delle gomme, superando le Ferrari che prima molto spesso erano state più performanti sia in qualifica che in gara.

Al giro 40 Ricciardo, partito con le gialle passa alle ultrasoft (viola) imitato al giro 43 da Verstappen. Le due Red Bull con le gomme più performanti non riusciranno ad andare molto meglio rispetto alla loro prima parte di gara.

Gara bella solo per la rimonta delle due Red Bull, in particolare con Verstappen, per Leclerc che manterrà il settimo posto e per il sorpasso di Hamilton su Vettel al sedicesimo giro. Gara anonima di Raikkonen e frustante per Vettel che nonostante il grande impegno non ha mai impensierito in pista le Mercedes, l’unico sorpasso lo ha fatto con la strategia.

Nel giro veloce in gara si sono alternati i primi sei piloti ed alla fine lo ha ottenuto Bottas con 1’35”861 millesimi, nuovo record in gara della pista.

Bottas meritava la vittoria, ieri aveva conquistato la pole ed oggi il giro veloce, ma gli è stata tolta dalla scuderia. Bottas ha sperato sino all’ultimo in un contrordine ma gli è stato detto, via radio a seguito sua richiesta, di restare dietro

Anche la Force India aveva fatto passare Perez davanti ad Ocon ma poi visto che non riusciva a superare Magnussen ha dato l’ordine di tornare alle posizioni iniziali.

Ora Hamilton, che ha conquistato la vittoria numero 8 nella stagione e la 70 in carriera, ha 50 punti di vantaggio su Vettel e la Mercedes 53 sulla Ferrari.

2 piloti ritirati, i due Toro Rosso, e 20 classificati alla fine dei 53 giri:

1) Hamilton Mercedes 25
2) Bottas Mercedes 18
3) Vettel Ferrari 15
4) Raikkonen Ferrari 12
5) Verstappen Red Bull (Renault) 10
6) Ricciardo Red Bull (Renault) 8
7) Leclerc Sauber Alfa Romeo (Ferrari) 6
8) Magnussen Haas (Ferrari) 4
9) Ocon Racing Point Force India (Mercedes) 2
10) Perez Racing Point Force India (Mercedes) 1
11) Grosjean Haas (Ferrari)  
12) Hulkenberg Renault  
13) Ericsson Sauber Alfa Romeo (Ferrari)  
14) Alonso McLaren (Renault)  
15) Stroll Williams (Mercedes)  
16) Vandoorne McLaren (Renault)  
17) Sainz Renault  
18) Sirotkin Williams (Mercedes)  

Tra parentesi il costruttore del motore.

Le classifiche piloti e team dopo la sedicesima gara sono:

Classifica Piloti

1) Hamilton 306 11) Ocon 47
2) Vettel 256 12) Sainz 38
3) Bottas 189 13) Gasly 28
4) Raikkonen 186 14) Grosjean 27
5) Verstappen 158 15) Leclerc 21
6) Ricciardo 134 16) Vandoorne 8
7) Hulkenberg 53 17) Ericsoon 6
8) Magnussen 53 18) Stroll 6
9) Alonso 50 19) Hartley 2
10) Perez 47 20) Sirotkin 1

Classifica Team

1) Mercedes 495 7) Racing Point Force India (Mercedes) 35
2) Ferrari 442 8) Toro Rosso (Honda) 30
3) Red Bull (Renault) 292 9) Sauber Alfa Romeo (Ferrari) 27
4) Renault 91 10) Williams (Mercedes) 7
5) Haas (Ferrari) 80      
6) McLaren (Renault) 58   Force India (Mercedes) 59

nella foto Bottas fa passare Hamilton

F.T.

In alto