Sport

Campionato F1. GP Cina 15 aprile 2018

ricciardo gp cina 2018

In Cina, sul circuito di Shanghai, si è svolta la terza prova del campionato 2018.

Partenza con temperature più elevate rispetto alla qualifica (19 gradi l’aria e 39 l’asfalto) e cielo sereno, le prime quattro auto partono con gomme soft (G) e le Red Bull con le ultrasoft (Viola) per differenziare le strategie di una gara lunga 56 giri.

Partenza regolare con Vettel che chiude in parte Raikkonen e dopo poche curve Bottas è secondo e Verstappen terzo. Al settimo ed ottavo posto vi sono le due Renault. Nonostante le Red Bull abbiano gomme di 2 steep più tenere non riesco ad impensierire Bottas e Vettel, tanto che il miglior giro viene segnato da Vettel.

Non accade nulla sino al giro 11 quando iniziano i cambi gomme con Hartley della Toro Rosso che monta la medie (Bianche). Al giro 18 pittano contemporaneamente le due Red Bull, nell’ordine Verstappen e Ricciardo, che passano alle B. un giro dopo tocca ad Hamilton, stesso tipo di gomme, che rientra dietro Verstappen.

Al giro 20 cambio gomme per Bottas (B) e al 21 Vettel (B) che rientra subito dietro Bottas, perdendo così il vantaggio di 3 secondi che aveva sull’avversario.

Al giro 27 sia Bottas che Vettel superano Raikkonen, che rientra quindi ai box e monta anche lui gomme medie, rientrando sesto e staccato di circa 12” da Ricciardo.

Al giro 30 Gasly, autore di un brutto week end dopo la splendida gara precedente, tampona la Toro Rosso del compagno di squadra Hartley e le due auto vanno in testa coda lasciando detriti in pista. Per poterli eliminare entra in pista la safety car, con Bottas e Vettel che hanno appena superato l’ingresso alla pit lane. La Red Bull cambia immediatamente la strategia e fa rientrare, ancora una volta contemporaneamente, i due piloti montando loro gomme soft. A Gasly viene comminata una penalizzazione di 10 secondi. Dietro la safety car, che rientra al giro 36, sono nell’ordine Bottas, Vettel, Hamilton, Verstappen, Raikkonen, Ricciardo.

Alla ripartenza le due Red Bull sembrano volare rispetto alle Ferrari e Mercedes, grazie alle gomme nuove. Al giro 37 Ricciardo supera Raikkonen. Al giro 39 Verstappe nel tentativo, azzardato, di superare Hamilton va lungo fuori pista e viene superato da Ricciardo. Al giro 40 Ricciardo compie un sorpasso bellissimo su Hamilton ed al 43 su Vettel. Nel frattempo al giro 42 Verstappen aveva superato Hamilton ed al 43 attacca sconsideratamente Vettel e lo manda in testa coda, danneggiando la Ferrari. ripartono quinto e settimo.

Al giro 45 con un altro super sorpasso, sempre in staccata e non di puro drs, Ricciardo supera Bottas e diviene primo. Al giro 53 si ritira la Toro Rosso di Hartley ed al 55 Vettel viene superato da Alonso, che non molto correttamente lo spinge sull’erba.

A Verstappen vengono assegnati 10 secondi di penalità e Ricciardo vince il suo sesto gran premio, ottenendo anche il giro veloce in gara con 1’35”785 millesimi. In questa gara si è avuta la dimostrazione che a parità di mezzo possono fare i piloti, uno bravo ed intelligente, l’altro bravo ma stupido in gara. Non si capisce come faccia la Red Bull a puntare solo sul giovane olandese, anche se è un grosso talento.

Male Leclerc, autore anche di un testa coda in gara, giunto ultimo e Gasly. Tra i team giù la Williams. La Mercedes non ha vinto per 3 gran premi, mai successo nell’era turbo ibrida. Hamilton è stato il pilota miracolato dalla Cina, perché dopo una gara mediocre e sempre dietro al suo compagno, invece di perdere ulteriori punti rispetto a Vettel dimezza lo svantaggio.

1 pilota ritirato e 19 al traguardo per questo ordine di arrivo:

1) Ricciardo Red Bull (Renault) 25
2) Bottas Mercedes 18
3) Raikkonen Ferrari 15
4) Hamilton Mercedes 12
5) Verstappen Red Bull (Renault) 10
6) Hulkenberg Renault 8
7) Alonso McLaren (Renault) 6
8) Vettel Ferrari 4
9) Sainz Renault 2
10) Magnussen Haas (Ferrari) 1
11) Ocon Force India (Mercedes)
12) Perez Force India (Mercedes)
13) Vandoorne McLaren (Renault)
14) Stroll Williams (Mercedes)
15) Sirotkin Williams (Mercedes)
16) Ericsoon Sauber Alfa Romeo (Ferrari)
17) Grosjean Haas (Ferrari)
18) Gasly Toro Rosso (Honda)
19) Leclerc Sauber Alfa Romeo (Ferrari)

Tra parentesi il Costruttore dell’unità motrice.

Le classifiche piloti e team dopo la terza gara sono:

Classifica Piloti

1) Vettel 54 11) Vandoorne 6
2) Hamilton 45 12) Sainz 3
3) Bottas 40 13) Ericsoon 2
4) Ricciardo 37 14) Ocon 1
5) Raikkonen 30 15) Perez 0
6) Hulkenberg 22 16) Leclerc 0
7) Alonso 22 17) Hartley 0
8) Verstappen 18 18) Grosjean 0
9) Gasly 12 19) Stroll 0
10) Magnussen 11 20) Sirotkin 0

Classifica Team

1 Mercedes 85 6) Toro Rosso (Honda) 12
2) Ferrari 84 7) Haas (Ferrari) 11
3) Red Bull (Renault) 55 8) Sauber Alfa Romeo (Ferrari) 2
4) McLaren (Renault) 28 9) Force India (Mercedes) 1
5) Renault 25 10) Williams (Mercedes) 0

Prossima gara in Azerbaijan, sul circuito cittadino di Baku, dove lo scorso anno vi fu la ruotata di Vettel ad Hamilton, il 29 aprile.

nella foto Ricciardo su Red Bull..

F.T.

In alto