Sport

Callipo, aspettando il Sora, Mengozzi da la carica

1 callipo MENGOZZI

Aspettando Sora il centrale Mengozzi carica l’ambiente: “Dobbiamo essere più spregiudicati”. Oggi, mercoledì 13 novembre, si giocherà alle 19.30 al PalaCalafiore.

Seguendo il ritmo incalzante previsto dal calendario della Superlega, la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia a distanza di tre giorni dalla gara in terra emiliana contro Piacenza, domani giocherà il match valevole per la quinta giornata di Regular Season. Questa volta Baranowicz e compagni sfideranno al PalaCalafiore di Reggio Calabria la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, formazione indigesta ai calabresi diventata una classica già dal 2014 quando entrambe le compagini militavano in Serie A2. Le squadre tra Superlega, Play-off, Serie A2 e Finale di Coppa Italia di categoria si sono già affrontate in 20 circostanze con 14 vittorie della formazione ciociara e solo sei di quella calabrese che non ha ancora mai registrato un successo nei sei precedenti di Regular Season in Superlega. Tra i successi giallorossi bisogna rimarcare la vittoria della finale di Coppa Italia al Mediolanum Forum ottenuta il sette febbraio del 2016 vinta al tie break (15-12) e nelle due sfide degli ottavi di finale dei play off valevoli per il quinto posto nella stagione agonistica 2017-2018 con i vibonesi che si sono imposti nelle due sfide casalinghe passando il turno ai quarti di finale.

A presentare la partita nella consueta conferenza stampa svoltasi al PalaValentia, prima di prendere parte alla seduta di allenamento pomeridiano con il resto del gruppo, è stato il centrale Stefano Mengozzi, tra le fila della Tonno Callipo già dalla scorsa stagione rivelatasi per lui particolarmente positiva: si è difatti posizionato sul terzo gradino del podio della speciale classifica del miglior muro con 65 block in 95 set disputati.

Entrambe le squadre domani saranno in cerca della prima vittoria stagionale: su un fronte Vibo con tre partite giocate (avendo rispettato il turno di riposo nella prima giornata di campionato) e un punto incassato a Piacenza, sull’altro Sora con cinque partite giocate (avendo anticipato la gara d’andata con la Lube Civitanova) e nessun punto. La fame del successo non dovrà però rappresentare un’ossessione per i ragazzi di Mister Cichello secondo Mengozzi: “Troppa tensione non gioverebbe mentalmente alla squadra soprattutto perché ci sono tanti atleti giovani che devono rimanere calmi e non farsi abbattere da eventuali errori che commetteremo”. Secondo uno dei giocatori più esperti della formazione calabrese invece domani bisognerà essere “più spregiudicati, più concreti al servizio cercando di mettere in difficoltà i giocatori avversari di seconda linea. Altro punto di forza che dovremo sfruttare sarà il muro-difesa e tenere il cambio palla come fatto nel terzo e quarto set a Piacenza”. Proprio ritornando ad esaminare la performance dell’ultima gara disputata al PalaBanca: “E’ stata una partita un po’ strana quella contro la Gas Sales, perché siamo partiti insicuri, quasi aspettando un po’ di vedere le loro mosse e senza pensare invece al nostro gioco che dovevamo imporre. Nei primi due set loro sono stati nettamente superiori, però poi mi è piaciuta la reazione che abbiamo avuto a partire dal terzo set, tenendoli sempre sotto nel punteggio. Il quarto set poi è qualcosa che dobbiamo tenere a mente perché non abbiamo mai mollato fino alle fine”. Un Mengozzi molto fiducioso e orgoglioso della sua squadra ha sottolineato ai giornalisti il processo di crescita che sta interessando la squadra mirato soprattutto a migliorare nella battuta che fino ad ora ha rappresentato un punto di debolezza.

Note: tra gli ex di Sora ci sono l’opposto Hirsch (2014 – 2015) e il libero Rizzo (2013 – 2014), mentre il centrale Scopelliti ha indossato la casacca giallorossa nella stagione 2013 – 2014 (Serie A2).

Arbitri: Gianluca Cappello di Sortino (Siracusa) e Alessandro Tanasi di Noto (Siracusa).

La partita di oggi con fischio d’inizio alle 19.30 sarà trasmessa in diretta su Rai Sport con la telecronaca di Maurizio Conlantoni e Andrea Lucchetta.

In alto