LifeStyle

Anche a Reggio la ”Giornata Mondiale del Commercio Equo e Solidale”

zoi olò commercio solidale

L’Associazione “Zoì Olò (pane per tutti) Onlus aderisce anche quest’anno alla “Giornata Mondiale del Commercio Equo e Solidale” promossa dalla “World Fair Organization”(WFTO- Organizzazione mondiale del commercio equo e solidale), la rete globale delle organizzazioni del commercio sostenibile che rappresenta nel mondo oltre 350 organizzazioni presenti in più di 70 Paesi.

L’Associazione sottolinea il significato di questa Giornata che celebra il movimento nato per rimettere al centro dell’economia e del commercio il valore del lavoro giusto e sicuro. Una esperienza lunga quasi 50 anni che ha dimostrato la possibilità di rifondare i rapporti economici internazionali a partire da una nuova ragione di scambio non basata sul potere dei più forti, quelli che comprano, ma sulla forza della cooperazione e della solidarietà fra chi produce e chi consuma.

E’ auspicabile ,sottolinea il prof. Guido Leone, responsabile comunicazione dell’Associazione, che a più di un anno dall’approvazione alla Camera della prima legge italiana dedicata al commercio equo e solidale la classe politica ora dia un segnale positivo mettendola all’ordine del giorno dei lavori del Senato.

Tuttavia, di fronte all’inerzia del Parlamento, l’Associazione intende promuovere l’iniziativa di sottoporre al Consiglio regionale della Calabria un testo di legge che disciplini la normativa nel settore ,così come avvenuto già in alcune regioni italiana.

Insomma, il commercio equo è una sfida; rappresenta l’idea che sia possibile  organizzare l’economia in modo diverso, a partire dai consumi quotidiani fino ad arrivare ad una organizzazione delle filiere e della politica che le gestisce, più coerente con questi obiettivi di promozione umana. Questa è una sfida che i numeri del commercio equo dimostrano che si può vincere. Infatti, in una condizione di recessione stabile questo tipo di pratica continua a crescere.

La situazione italiana, in una condizione generale di crisi per il commercio ,è comunque di tenuta. Le organizzazioni sono diffuse sul territorio e c’è una prevalenza di attività al Nord.

A Reggio Calabria, l’Associazione Zoì Olò ha contribuito per oltre venti anni alla diffusione del commercio solidale con il suo braccio operativo, la Bottega del Sud. Dalla fine dell’anno scorso la felice scelta di confluire nel Consorzio Macramè, costituito da Cooperative sociali, che ha aperto il suo primo store etico “LiberiperNatura” ,al centro città in via Torrione 89.

Si tratta di una crescita oltre che di un rilancio in opportunità della filosofia del commercio equo e solidale.

La Bottega ”LiberiperNatura”, dunque, è uno spazio tradizionale in cui grazie al volontariato si fa di tutto perché il consumo equo e solidale rimanga l’unica esperienza positiva che si dispiega sul territorio, attraverso una azione di comunicazione, informazione, educazione nelle scuole.

LiberiperNatura  prende il testimone di un piccolo grande sogno. Ci ha, infatti, animato in questi anni solo il desiderio di costruire un ponte che portasse tra noi l’anima del mondo a far nascere e a farci scegliere il Commercio Equo e Solidale. Perché non siamo null’altro che questo: un ponte che attraverso gli oggetti narra storie di popoli lontani.

Ogni prodotto che si trova nello store “LiberiperNatura” porta con sé una storia personale e di comunità, una storia di culture e di tradizioni. La storia, insomma, di un lavoro frutto di giustizia, di dignità ,di pace.

Si vogliono proporre volti, storie, profumi e colori dal mondo ,sempre ricordando che dietro alle cose ci sono uomini e donne con il loro lavoro. Puntare su una economia concreta ,tangibile, fatta di oggetti e prodotti di terre vicine e lontane e dove il lavoro umano è importante, dignitoso ,la terra ancora fonte di sostentamento e le radici culturali preziose e arricchenti.

L’Associazione Zoì Olò prosegue, pertanto, il suo impegno in città e nella provincia nel realizzare un’alternativa concreta e sostenibile in spirito di comunione d’intenti con le altre cooperative sociali all’interno della formula consortile “Macramè”, convinti che l’unione fa la forza, sicché , ancora una volta,in occasione della Giornata Mondiale, si chiede ai cittadini di aderire alla proposta di ‘coltivare’ un’economia diversa, che sia rispettosa dell’uomo e dell’ambiente.

Come? Scegliendo i prodotti con la certificazione Fairtrade, ognuno può dare il suo contributo per far crescere questa forma di economia alternativa a quella tradizionale, che promuove una crescita equa e sostenibile.

Domani, sabato 13 maggio, sia allora la festa dei sostenitori del commercio equo di  tutto il mondo.

Come affermava Friedensreich Hundertwasser, “se uno sogna da solo, è solo un sogno. Se molti sognano insieme, è l’inizio di una nuova realtà”. Allora grazie a tutti coloro che hanno scelto o vorranno scegliere di sognare con noi.

In alto