Cultura

30 Libri in 30 Giorni presenta il volume“Sinan Baxa”

sicilia 30 libro Sinan Baxa

Nell’ambito dell’iniziativa “30 Libri in 30 Giorni” si presenta domani, martedì 17 aprile, alle ore 17.30, presso la Libreria Dedalus in via Camiciotti 16, a Messina, il volume di Pippo Lo Cascio “Sinan Baxa”. La manifestazione è promossa da BCsicilia, l’Associazione che si occupa di salvaguardia e valorizzazione dei beni culturali e ambientali. Presenteranno il libro Alessandro Fumia, storico, che parlerà della “Messina nel ‘500”, Luigi Moscheo, già presidente della Storia Patria di Messina, che relazionerà su “Sinan Baxa” e infine Franz Riccobono, storico, che interverrà su “Le difese di Messina tra ‘500 e ‘600”. Coordinerà i lavori Sabrina Patania, della Presidenza regionale BCsicilia. Stefania Inglese leggerà alcuni brani del libro accompagnata dal canto e la chitarra di Filippo Cavallaro. All’incontro sarà presente l’autore.

Il libro. Questa pagina di storia siciliana, pressoché inedita nell’Isola della metà del Cinquecento, s’inserisce prepotentemente tra i drammatici avvenimenti europei che coinvolsero numerosi stati del mar Mediterraneo e dell’Europa continentale. La ricerca archivistica sul personaggio messinese Scipione Cicala alias Sinan Baxà, si propone di fare chiarezza su alcuni aspetti delle lotte tra Cristiani e Musulmani e soprattutto sulla vita dell’illustre personaggio che per un trentennio divenne, inconsapevolmente, l’ago della bilancia tra due mondi in guerra. L’amore per la madre Donna Lucrezia e per la sua terra d’origine non gli permise di devastare o di occupare stabilmente la Sicilia, base per una duratura islamizzazione dell’Isola e probabilmente dell’intera Penisola Italiana. L’intento dell’Impero Turco era quello di usarla come trampolino di lancio per assoggettare l’intero continente europeo. Per ciò che ha rappresentato come uomo e per le sue gloriose gesta militari ai confini della Persia o alle porte di Vienna e nel Lago Turco, Sinan Baxà è da considerare un mito.

L’autore. Pippo Lo Cascio, laureato in Scienze della Formazione, studioso di storia ed archeologia del territorio siciliano, è autore di numerosi saggi, articoli e monografie di carattere scientifico e divulgativo. Ha pubblicato alcuni lavori scientifici, frutto di sue scoperte, per il periodico trapanese “Sicilia Archeologica”. È socio della Società Siciliana per la Storia Patria e corrispondente di storia e di archeologia per alcune riviste locali e nazionali, tra cui “Archeologia” dei Gruppi Archeologici Italiani di Roma. Tra i volumi pubblicati: “Mondello tra torri e pirati”, Palermo 1995; “Le torri siciliane di Deputazione del 1717”, Palermo 2000; “Palermo fuori le mura. La Piana dei Colli”, Palermo 2000; “Comunicazioni e trasmissioni. La lunga storia della comunicazione umana dai fani al telegrafo”, Catanzaro 2001; “Pirati e corsari nei mari di Sicilia”, Palermo 2004; “I beni archeologici di Monte Gallo. Carta archeologica”, Palermo 2005 (con F. Mercadante); “Cavalieri di Malta, Turchi e Barbareschi per il dominio del Mediterraneo”, Palermo 2006; “Il Piano di Sant’Erasmo. Mille anni di storia alla Marina di Palermo”, Palermo 2008; “Scale, Neviere e Trazzere. Le vie storiche di comunicazione, commerci ed economie della provincia palermitana, tra i secoli XIV – XIX”, Palermo 2012; “Il nodo di Salomone. Il simbolo millenario della storia dell’uomo. Cordoni Legature e Trecce nella simbologia etnostorica siciliana (dai secc. II – III d. C. al sec. XX)”, Palermo 2014.

In alto